NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

La verità non detta è che l'America sta sostenendo Al Qaeda: Nella propaganda sulla battaglia per Aleppo i terroristi sono ritratti come "combattenti per la libertà"

Scritto da PCI Fed. Brescia.

di Prof. Tim Anderson per Global Research, 1 mag 2016
traduzione a cura di comunistibrescia.org


Una pesante propaganda accompagna la battaglia strategica di Aleppo tra l'esercito siriano (e i suoi alleati Russia, Iran, Hezbollah e altri milizia) e i gruppi terroristici sostenuti da Arabia Turchia e NATO (Jabhat Al Nusra, Jaysh Al Islam, Ahrar Assham e ISIS) . Gli scontri hanno avuto un escalation verso la fine di aprile, quando i gruppi armati hanno colpito con centinaia di colpi di mortaio la seconda città della Siria, e l'esercito siriano ha risposto con la sua offensiva a lungo attesa.
I media occidentali ora sostengono che i cittadini di Aleppo sono minacciati dall'esercito siriano, mentre le fonti siriane mostrano i civili, stremati da attacchi di mortaio costanti, che chiedono che l'esercito sradichi tutti i gruppi terroristici.


Nel tentativo di rivendicare la propria superiorità morale, Washington utilizza per procura ONG vicine alle milizie, per mantenere la finzione che l'esercito siriano non faccia altro che attaccare i civili siriani.
Tra queste ONG ci sono i 'white helmet' alias 'Protezione Civile Siriana', che è diventata la principale fonte di denuncie su presunti attacchi di aerei siriani e russi contro gli ospedali.
In realtà 'The White Helmet', che sostiene di essere indipendente, è una creazione di Wall Street, guidata dall'ex soldato britannico James Le Mesurier, co-finanziato dal governo degli Stati Uniti e embedded dell'organizzazione terroristica Jabhat al Nusra, bandita dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.
Ogni attacco al Nusra viene così raffigurato come un attacco a 'civili' e cliniche, o operatori sanitari di emergenza. Più o meno lo stesso vale per Medicin Sans Frontiers (MSF), che finanzia le cliniche di Al Nusra (per lo più senza volontari stranieri) in diverse aree terroristici tenuto.
Questi collegamenti, tra cui la partecipazione a esecuzioni sommarie, sono ben spiegati in una recente breve documentario 'The White Helmets - Al Qaeda con un lifting', da Steve Ezzeddine:

 https://www.youtube.com/watch?v=8aAaReVn2I4

Il retroscena di “White Helmets” è stato indagato in una serie di articoli dal giornalista investigativo Vanessa Beeley, tra cui '' White Helmets : una nuova razza di mercenari e propagandisti' (settembre 2015) su 21 ° Century Wire.


http://21stcenturywire.com/2015/09/01/white-helmets-new-breed-of-mercenaries-and-propagandists-disguised-as-humanitarians-in-syria/

La contraddizione nella politica e nella pratica degli Stati Uniti è stata recentemente evidenziata quando al capo siriano dei White Helmets, Raed Saleh, in viaggio per ricevere un premio umanitario, è stato rifiutato il permesso di entrare negli Stati Uniti ed è stato rimandato a Istanbul. Il probabile motivo era la nota associazione di Saleh con Jabhat al Nusra.
Il Capo Militare degli Stati Uniti Generale Martin Dempsey e il vice presidente Joe Biden hanno ammesso nel 2014 che gli alleati degli Stati Uniti, Arabia Saudita, Turchia e Qatar, finanziavano ISIS, insieme a tutti gli altri gruppi armati, nel tentativo di rovesciare il governo del presidente siriano Bashar al Assad.

link all'articolo originale