NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Povertà` estrema nella ricca America, un quadro allarmante.

Scritto da PCI Fed. Brescia.

Dalle colonne del New York Times traduciamo e riportiamo un'articolo di Angus Deaton (professore di economia e affari internazionali presso la Princeton University, professore di economia alla University of Southern California e nel 2015 Premio Nobel per l'economia) sulla reale situazione della poverta' negli Stati Uniti.

Si potrebbe pensare che il tipo di estrema povertà che riguarderebbe un'organizzazione globale come le Nazioni Unite sia da tempo scomparsa negli Stati Uniti. Eppure il relatore speciale Onu sulla povertà estrema e sui diritti umani, Philip Alston, ha recentemente eseguito e relazionato un tour investigativo negli Stati Uniti.

Sicuri che nessuno negli Stati Uniti oggi sia povero come un povero in Etiopia o in Nepal? Oggi fare questi confronti è diventato molto più facile. La Banca Mondiale ha deciso in Ottobre di includere i paesi ad alto reddito nelle sue stime globali sulle persone che vivono in condizioni di povertà. Ora possiamo fare confronti diretti tra Stati Uniti e paesi poveri.

Correttamente interpretati, i numeri suggeriscono che le Nazioni Unite hanno un punto di vista chiaro - e gli Stati Uniti hanno un problema urgente. Suggeriscono anche che potremmo ripensare a come aiutiare i poveri.

Secondo la Banca Mondiale, nel 2013, nel mondo 769 milioni di persone vivevano con meno di $ 1,90 al giorno; loro sono i più poveri del mondo. Di questi, 3,2 milioni vivono negli Stati Uniti e 3,3 milioni in altri paesi ad alto reddito (la maggior parte in Italia, Giappone e Spagna).

Per quanto sorprendenti siano, gia' cosi', questi dati, essi non considerano un fatto molto importante. Ci sono esigenze di vita in paesi ricchi, freddi, urbanizzzati e individualistici che sono meno necessarie nei paesi poveri. La Banca Mondiale aggiusta le stime di povertà per le differenze di prezzo tra i paesi, ma ignora le differenze nei bisogni.

Un abitante indiano spende poco o nulla per l'alloggio, il riscaldamento o la custodia dei bambini, e un povero bracciante agricolo nei tropici può cavarsela con pochi indumenti o senza mezzi di trasporto. Anche negli Stati Uniti ci sono differenze, non è un caso che ci siano più senzatetto che dormono per strada a Los Angeles, con il suo clima più caldo, che a New York.

L'economista di Oxford, Robert Allen, ha recentemente stimato che la sogla di povertà assoluta basata sui bisogni nei paesi ricchi, progettata per corrispondere più accuratamente della soglia di $ 1,90 per i paesi poveri, sia di $ 4 al giorno. Quando confrontiamo la povertà assoluta negli Stati Uniti con la povertà assoluta in India, o in altri paesi poveri, dovremmo quindi usare $ 4 negli Stati Uniti e $ 1,90 in India.

Una volta che facciamo questo, ci sono 5,3 milioni di americani che sono assolutamente poveri per gli standard globali. Si tratta di un numero ridotto rispetto a quello dell'India, ad esempio, ma è più che in Sierra Leone (3,2 milioni) o in Nepal (2,5 milioni), più o meno come in Senegal (5,3 milioni) e solo un terzo in meno che in Angola (7,4 milioni). Il Pakistan (12,7 milioni) ha il doppio dei poveri degli Stati Uniti e l'Etiopia circa quattro volte di più.

Questa evidenza supporta l'osservazione sul terreno effettuata negli Stati Uniti da Kathryn Edin e Luke Shaefer, che hanno documentato gli orrori della vita quotidiana per i diversi milioni di persone negli Stati Uniti che in realtà vivono con $ 2 al giorno, sia in aree urbane che rurali. L' etnografia di Milwaukee di Matthew Desmond esplora l'incubo di trovare un rifugio urbano per gli americani poveri.

È difficile immaginare una povertà peggiore di questa, in qualsiasi parte del mondo. In effetti, sono proprio i costi e le difficoltà a trovare alloggi a creare così tanta sofferenza per tanti americani, e sono proprio questi costi a mancare nei conti globali della Banca Mondiale.

Certo, le persone vivono più a lungo e hanno una vita più sana nei paesi ricchi. Con poche eccezioni (e solitamente scandalose), l'acqua è sicura da bere, il cibo è sicuro da mangiare, l'igiene è maggiore, e una sorta di assistenza medica è a disposizione di tutti. Eppure tutti questi elementi essenziali di salute hanno maggiori probabilità di essere carenti per gli americani più poveri. Anche per l'intera popolazione, l'aspettativa di vita negli Stati Uniti è inferiore a quella che ci si aspetterebbe date le entrate nazionali, e ci sono luoghi - il delta del Mississippi e i monti Appalachi - dove l'aspettativa di vita è inferiore a quella del Bangladesh e del Vietnam.

Oltre a ciò, molti americani, in particolare bianchi e con un'istruzione superiore alla media, hanno visto un peggioramento della salute: come ha dimostrato la mia ricerca con mia moglie, l'economista di Princeton Anne Case , per questo gruppo l'aspettativa di vita è in calo; i tassi di mortalità per droga, alcol e suicidio sono in aumento; e il lungo declino storico della mortalità per malattie cardiache si è arrestato.