NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

SCHIAVITÙ IN LIBIA, DITTATURA IN COSTA D'AVORIO. L'OFPRA E' INDIFFERENTE A QUESTI REATI?

Scritto da PCI Fed. Brescia.

OFPRA – Ufficio francese per la protezione di rifugiati ed apolidi

Dal blog Mediapart (blogs.mediapart.fr) traduciamo un articolo che non è solo una cruda testimonianza sulla situazione degli esuli africani che cercano di raggiungere l'Europa passando per l'inferno libico, ma anche un atto di accusa alla Francia e alle potenze imperialiste occidentali per l'appoggio alle guerre e alle dittature africane e alla comunità internazionale per l'indifferenza e la complicità con tali crimini.

Molti si sono improvvisamente commossi vedendo la situazione dei neri nei campi profughi in Libia e dobbiamo continuare a denunciare queste pratiche barbare che disonorano la cosiddetta umanità civilizzata, incluse, e specialmente, le autorità decisionali che sanno ma fingono di non sapere.

Se la sofferenza dei nostri fratelli e sorelle combattenti ivoriani nella loro patria strugge i nostri cuori - molti di loro sono sostenitori del partigiano Gbagbo [1] - il destino dei migranti che attraversano la Libia durante il loro esilio ci sembra tra i più terribili.

Così di recente abbiamo incontrato Stephy, una giovane ivoriana che - partita dalla Costa d'Avorio, al culmine della crisi, perché sulla lista nera dei ribelli e di altri cani da guerra di Outtara - era giunta in Libia dopo aver essere stata obbligata alla prostituzione in Niger.

Nonostante tutto ciò che già sappiamo sul trattamento disumano inflitto alle vittime della predazione neocoloniale, spinti via dalle loro terre per sfuggire alle dittature installate e mantenute dall'Occidente sulla terra dei nostri antenati; stupri, omicidi, trattamento disumano da parte dei nuovi "leader" installati dalla NATO e dall'Occidente terrorista a Tripoli, questo è di gran lunga una dei racconti peggiori che abbiamo mai sentito.

Prima di iniziare a raccontare la sua testimonianza, vogliamo dire che c'è un'ipocrisia totale da parte dei leader delle ricche potenze occidentali, Macron in testa, che si spacciano per difensori dei diritti umani in Africa e in particolare in Libia, mentre sono i loro governi che hanno, in passato, ridotto in schiavitù e ancora schiavizzano gran parte del continente mediante l'installazione e il mantenimento di dittature e portando le popolazioni povere, affamate e abusate a prendere la strada dell'esilio, rischiando le loro vite e la loro libertà.

Innumerevoli sono i casi, sono state uccise o tolte dal potere con la forza tutte le grandi figure del diritto dei popoli africani all'autodeterminazione: Ruben Um Nyobé [2], Ernest Ouandié [3], Felix Roland Moumie [4], Medi Ben Barka [5], Modibo Keita [6], Patrice Lumumba [7], Amicar Cabral [8], Thomas Sankara [8], Muammar Gheddafi, mogli e figli come Marta Moumie, la vedova di Max Moumie, recentemente assassinata in Camerun per impedirle di lottare per la verità sull'omicidio di suo marito da parte del servizio segreto francese nel 1960. L'elenco non si ferma ai leader politici in quanto gli avversari e i grandi intellettuali panafricani e i giornalisti vengono inoltre eliminati come il grande economista Joseph Tchuindjang Pouemi [9] pioniere nella lotta contro il franco CFA [10] , Ibni in Chad [11], il giornalista Norbert Zongo [12], il cyberattivista Burkinabé Rachid SANA avvelenato in Germania alla fine dello scorso novembre, ...

Ecco cosa dice Stephy nel suo account all'OFPRA:

"Intorno all'agosto 2015, ricordo che era il compleanno di mio figlio, alcuni studenti camerunensi hanno detto che sarebbero andati in Europa via Libia. Avevo risparmiato un po', quindi siamo partiti. Siamo andati in autobus da ORAN a OUARGLA in Algeria. A Ouargla ci è stato detto che c'erano contrabbandieri arabi che portavano le persone in Libia, ma che dovevamo aspettare di essere più numerosi per andarcene. Abbiamo trascorso 5 mesi lì. Abbiamo pagato 17.000 dinari algerini a persona. Abbiamo celebrato il mese di gennaio a OUARGLA. A febbraio 2016, sono venuti a dirci che, dato che eravamo abbastanza numerosi (circa 80), ci avrebbero portato a DEBDEB l'ultima città di confine dell'Algeria prima della LIBYA.

Ci hanno ammassato in 40 per pickup e ci hanno fatto passare le dighe. Siamo partiti alle 10 e ogni volta che c'era un posto di blocco, ci facevano scendere dal veicolo, aggirare la diga e risalire più avanti. Siamo arrivati a DEBDEB verso mezzanotte. A DEBDEB ci siamo imbattuti in un gruppo di giovani libici (12/13 anni) in armi che ci hanno perquisito. Per prima cosa hanno cercato i sacchetti e hanno preso ciò che li interessava, poi hanno perquisito il corpo e hanno trovato i soldi che tenevo in un piccolo sacchetto di plastica nella vagina. Siamo stati avvertiti che potevamo incappare nei ladri ma non pensavo che avrebbero cercato lì. Tuttavia, non hanno trovato le banconote che un Camerunense aveva cucito sotto le sue stuoie.

Arrivammo in quello che sembrava un campo militare abbandonato con sacchi di sabbia impilati e un ampio corridoio. Lì abbiamo incontrato giovani che avevano vissuto la stessa disavventura di noi a DEBDEB. Abbiamo incontrato arabi che volevano trasportarci ma per soldi. Poiché non avevo più niente, ho dovuto pagare in natura. Ci hanno imbarcato in macchinine coperte verso TRIPOLI (3 giorni di viaggio). Abbiamo aspettato la notte per viaggiare in modo sicuro.

A TRIPOLI, fummo mandati a "GARGARECH" dove c'erano molti neri, camerunesi, ivoriani, ciadiani, senegalesi di Casamance e alcuni gambiani. Dato che non avevo soldi, ci stavamo nutrendo l'un l'altro. C'era un giovane nigeriano che aveva un gruppo di ragazze nigeriane alle quali aveva fatto credere che le avrebbe portate in Europa per lavorare (pulizia, ...). Infatti, le ha portate a TRIPOLI. Ha detto loro che dovevano rimborsare il trasporto e i documenti lavorando per lui come prostitute. Dato che non avevo più soldi e ero già stata costretta a farlo a TAMANRASSET, l'ho fatto per sopravvivere fino a giugno 2016.

È stato a giugno 2016 che gli "Asma Boys"[13] sono venuti a prenderci (auto-proclamate forze speciali anti-Gheddafi). Ci hanno violentato, in tre ragazzi per una ragazza. Ci hanno mandato in un vecchio forno abbandonato. Abbiamo trovato degli ivoriani che avevano già passato li almeno 8 mesi. Hanno violentato gli uomini e le donne ogni giorno sotto la minaccia dei fucili. Hanno sparato a una ragazza che aveva rifiutato di lasciarsi andare e lei è morta. Quando abbiamo visto questo abbiamo smesso di opporre resistenza. Mentre ci violentavano e ci picchiavano ogni giorno, chiedevano di chiamare i nostri genitori in patria per inviare denaro per salvarci.

[Stephy ha appena avuto un aborto spontaneo, perdendo la speranza di portare una nuova vita e ha quasi perso anche la sua. Il trauma subito dal suo corpo come dal suo spirito nei campi di tortura, la schiavitù sessuale e l'aver assistito allo sterminio dei neri in Libia può aver giocato un ruolo in questa tragedia, che colpisce anche il suo compagno, egli stesso un sopravvissuto dell'Olocausto libico dopo aver subito i crimini del franco-ivoiriani (la moglie e i tre figli sono stati uccisi a Bouaké in un campo della gendarmeria nel 2002)].

A dicembre 2016 in Libia c'è stato un conflitto tra Asma Boys e i Barbus[14]. Si chiamava "guerra degli eredi". Quando hanno aperto la "prigione" (una vecchia panetteria), siamo fuggiti e ci siamo rifugiati in riva al mare, ho passato due mesi al mare, i Barbus ci hanno dato spesso del pane. C'era un impianto di produzione di medicine non molto lontano. Siamo andati a prendere molte medicine per curarci e farina scaduta per mangiare, bevevamo acqua salata di mare.

Verso la fine di gennaio 2017, hanno iniziato a uccidere di nuovo i neri nel distretto di "Gargarech". Li hanno portati nelle navi mercantili e nei container e li hanno fucilati. I Barbus hanno deciso di lasciarci andare.

Il 2 febbraio 2017 alle 22h, ci hanno caricato su uno Zodiac. Abbiamo trascorso 12 ore in acqua. Pensavamo di morire. Siamo stati lasciati abbandonati a noi stessi. Alle 10 del 3 febbraio, abbiamo visto l'arrivo di una barca di un ONG. Ci hanno equipaggiato con i giubbotti di salvataggio e ci siamo imbarcati su una nave piu' grande.

Abbiamo trascorso due giorni in barca prima di arrivare in Sicilia all'inizio di febbraio, a Pozzallo. Sulla barca ci hanno spruzzato per disinfettarci. Quando siamo arrivati a Torino, ci hanno dato le attrezzature di base (spazzolino da denti, sapone, ...) e i distintivi della Croce Rossa per la mensa e per le cure mediche, con la nostra foto e la nostra data di arrivo. Dopo due settimane, non mi sentivo ancora bene o al sicuro. Eravamo in tenda e io avevo molto freddo. Non capivo l'italiano. In questo campo profughi c'erano molti ivoriani e spesso aspettavano lì in quel modo molti mesi, senza che accadesse nulla di concreto (nessun trasferimento, nessun passaggio in commissione, ...). Appena ne ebbi l'occasione partii per la Francia, dove avevo saputo che era arrivato un mio amico che pensavo fosse stato assassinato in Costa d'Avorio. È così che sono arrivata in Francia come potevo."

E COSA PENSATE ABBIA OTTENUTO STEPHY QUANDO HA RISPOSTO AL QUESTIONARIO DELL'ORGANISMO DI PROTEZIONE DIPRA NEL NOVEMBRE 2017?

Fin dall'inizio, questo signore ha respinto tutto ciò che nella sua storia era accaduto al di fuori della Costa d'Avorio, specialmente in Libia, come se non fosse colpa della Francia, oltre a negare che i leader della NATO avevano fatto bombardare la LIBYA nel 2011, come hanno fatto in Costa d'Avorio, naturalmente, sotto l'apparenza di risoluzioni fatte su misura dal Consiglio di sicurezza sempre pronto a camuffare le guerre economiche come guerre umanitarie. In nome della continuità dello Stato, i leader francesi devono almeno avere il coraggio di affrontare le conseguenze della loro politica terroristica in Africa, accogliendo con la massima gentilezza possibile i sopravvissuti della SHOAH LIBICA e l'esilio delle vittime dei dittatori che installano e mantengono al potere con la forza e il sangue.

Per quanto riguarda i massacri etnico-politici e il genocidio di Wê in Costa d'Avorio, lo stesso agente OFPRA gli ha rivolto solo domande tendenziose:

"Ma eri alle barricate? Non eravate forse voi a bruciare i patrioti Dioula?Ricordiamo che ad oggi non c'è una sola immagine, un solo video credibile che imputa la morte di un singolo straniero che vive in Costa d'Avorio durante il governo del presidente Laurent Gbagbo mentre migliaia di video, foto e testimonianze provano i crimini commessi dai ribelli e da altri ausiliari di Ouattara sotto l'egida delle forze franco-ONU dal 2002.

Questo è tanto più assurdo perché Stephy è ora ospitata da una famiglia Dioula. Ci si chiede allora perché i musulmani ivoriani possano dare rifugio a coloro che sono accusati di averli bruciati.

Per quanto riguarda la Costa d'Avorio e la Libia è stata in gran parte superata la neutralità, già di per se insopportabile. È una questione di complicità attiva nei crimini contro l'umanità. Quindi dobbiamo citare in giudizio l'attuale leadership della Francia ai paesi membri delle Nazioni Unite, alla Corte Penale Internazionale. Tranne che quest'organismo è troppo occupato a ricevere falsi premi dei diritti umani come ricompensa per le sue parodie di processi, come quella attualmente in corso contro il presidente Laurent GBAGBO a L'Aia, per occuparsi dei crimini contro l'umanità commessi o commissionati in LIBIA, COSTA D'AVORIO e in molti altri paesi africani come nella Repubblica Democratica del Congo, dove questa guerra di predazione neocoloniale mascherata da conflitti etnici ha già fatto milioni di vittime.

Fatou MAHINE e Christine TIBALA 

Women Resistance Association



[1] Laurent Koudou Gbagbo (Gagnoa, 31 maggio 1945) è un politico ivoriano, Presidente della Costa d'Avorio per il Fronte Popolare Ivoriano dal 2000 al 4 dicembre 2010 anno nel quale, a seguito di una contestata sconfitta elettorale contro Alassane Outtare (economista del FMI ben visto e “designato” dagli ex colonialisti francesi), viene arrestato su mandato del tribunale internazionale dell'Aja. Durante la sua presidenza aveva subito un tentato colpo di stato nel 2002 e una “guerra civile” da molti negata. La versione del governo ivoriano e di alcuni giornalisti indipendenti francesi di ispirazione progressista presenti sul posto parla di ribelli mercenari pagati dal governo francese per destabilizzare un potere politico nazionalista ed intellettualmente autonomo che minava i forti interessi economici francesi in Costa d'Avorio. Secondo questa versione la guerra civile non si è mai verificata e non vi è stata una vera contrapposizione tra civili, ma solo una penetrazione di guerriglia istruita e pagata per la maggior parte costituita di stranieri (francesi, presenti anche come pace-keeper su mandato ONU). Attualmente Gobgo è ancora detenuto all'Aja in attesa di giudizio per “crimini contro l'umanità”, la fase accusatoria, da poco terminata, non ha prodotto sufficenti prove dei reati di cui è accusato e i legali ne hanno richiesto la scarcerazione immediata.

[2] Ruben Um Nyobé leader anti-colonialista camerunense, fondatore dell' UPC (Unione Popolare Camerunense) ucciso dall'esercito francese il 13 Settembre del 1958.

[3] Ernest Ouandié, prima leader anti-colonialista e poi oppositore del presidente Ahmadou Ahidjo dopo l'indipendenza del Camerun, venne catturato e ucciso dalle milizie governative il 15 Gennaio 1971

[4] Félix Roland Moumié, leader anti-colonialista camerunense, avvelenato a Ginevra il 3 Novembre 1960 dai servizi segreti francesi.

[5] Mehdi Ben Barka è stato un politico marocchino, attivista nel movimento indipendentista e, in seguito, dissidente del regime di Re Hasan II, cofondatore dei partiti politici Istiqlal e UNFP, oltre che dirigente del movimento terzomondista. Nacque a Rabat nel 1920 e morì in strane circostanze a Parigi nel 1965. Il suo sequestro e assassinio per mano, presumibilmente, dei servizi segreti marocchini è uno degli episodi più emblematici dell'epoca e della storia del Marocco conosciuta come anni di piombo.

[6] Modibo Keïta (Bamako, 4 giugno 1915Kidal, 16 maggio 1977) è stato un politico maliano, che ricoprì la carica di Presidente del Mali dal 1960 al 1968 e quella di presidente della Federazione del Mali. Il 19 novembre 1968 Keïta venne deposto da un colpo di Stato.

[7] Patrice Émery Lumumba è stato un leader della lotta anticolonialista della della Repubblica Democratica del Congo. Fu Primo ministro tra il giugno ed il settembre del 1960. La politica di Lumumba era antisecessionista, anticolonialista, antimperialista, filocomunista e mirava a diminuire il potere e l'influenza delle tribù e a una maggiore giustizia sociale e autonomia del paese. Il Belgio rispose al tentativo di emancipazione inviando truppe in Katanga[4] (la regione mineraria) e sostenendo la secessione di questa regione guidata da Mosè Kapenda Tschombe. Il 17 gennaio 1961 Lumumba e due suoi fedeli (Mpolo e Okito) furono trasferiti in aereo alla presenza dei loro grandi nemici a Elisabethville (l'attuale Lubumbashi), in Katanga. Furono giustiziati la sera stessa alla presenza di Tshombe, Munongo, Kimba e di altri dirigenti del Katanga secessionista[6]. L'indomani i resti delle vittime furono fatti a pezzi e fatti sparire nell'acido.

[8] Amílcar Lopes da Costa Cabral (Bafatá, 12 settembre 1924Conakry, 20 gennaio 1973) è stato un politico guineense. Fu il fondatore del Partito Africano per l'Indipendenza della Guinea e di Capo Verde (PAIGC) che portò la Guinea-Bissau e le isole di Capo Verde all'indipendenza dal Portogallo. Amílcar Cabral muore assassinato il 20 gennaio 1973 a Conakry, solamente sei mesi prima dell'indipendenza della Guinea-Bissau. I suoi assassini sono dei membri del suo partito, verosimilmente manipolati dalle autorità portoghesi e sorretti dalle complicità dei più alti livelli dello stato della Guinea. Cabral non ha visto mai l'indipendenza della Guinea-Bissau e di Capo Verde avvenuta il 10 settembre 1973 per quanto riguarda la Guinea-Bissau e il 5 luglio 1975 per Capo Verde, causa per la quale ha combattuto per più di venti anni.

[9] Joseph Tchuindjang Pouemi, economista camerunense, è morto il 27 dicembre 1984 all'età di 47 anni: secondo varie fonti attendibili, il professor Joseph Tchuindjang Pouemi fu avvelenato, pagando così il prezzo del suo impegno per la libertà e la prosperità economica dell'Africa.

[10] Il Franco CFA (che significava all'origine nel 1945, Franco delle Colonie Francesi d'Africa, abbreviato FCFA, e oggi diventato acronimo di Comunità Finanziaria Africana) è il nome di due valute comuni a diversi paesi africani, constituente in parte la zona franco. Il franco CFA mantenne la parità rispetto al franco francese salvo in casi particolari. Gli economisti hanno ritenuto che il valore di cambio sia stato, nonostante alcune svalutazioni, troppo alto e sfavorevole per i paesi partecipanti agli accordi monetari.

[11] Ibni Oumar Mahamat Saleh, leader dell`opposizione politica del Chad e del PLD (Parrtito per la Liberta' e lo Sviluppo), ministro durante il governo di Hissène Habré's, scomparso dal 2008 dopo essere stato arrestato da militari non identificati.

[12] Norbert Zongo, noto anche con il nome di Henri Segbo o H.S., (31 luglio 1949 - 13 dicembre 1998) era un giornalista investigativo del Burkina Faso che ha diretto il giornale The Independent in Ouagadougou, Burkina Faso. Sotto la supervisione di Zongo, The Independent testimonia l'estorsione e l'impunità all'interno del governo del Burkina Faso, il presidente Blaise Compaore. Fu assassinato dopo che il suo giornale stava indagando sull'omicidio di una persona per cui aveva lavorato fratello del presidente Burkinabe, Blaise Compaore.

[13] bande armate libiche, in buona parte formate da giovani e giovanissimi, che rapiscono i migranti richiedendo un riscatto alle famiglie o obbligandoli a prostituirsi. Sono ritenuti i responsabili di buona paerte delle violenze sui neri che avvengono oggi in Lybia.

[14] integralisti islamici libici

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna