NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

SUDAN: la nuova giunta militare ha ribadito il sostegno alla coalizione saudita in Yemen.

Scritto da PCI Fed. Brescia.

SUDAN: Nonostante le opposizioni che hanno guidato la "rivolta del pane" che ha portato al rovesciamento del governo Al Bashir chiedano il ritiro delle truppe la nuova giunta militare ha ribadito il sostegno alla coalizione saudita in Yemen. L'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi ringraziano e promettono aiuti e sostegno al governo militare di transizione.
da sudantribune.com trad. di comunistibrescia.org

15 aprile 2019 (Khartoum) - Il vice capo del Consiglio militare di transizione (TCC), il tenente Mohamad Hamdan Daglo (aka Hemetti), lunedì, ha detto che le truppe sudanesi rimarranno nella coalizione a guida saudita nello Yemen.

L'esercito sudanese partecipa alla coalizione militare guidata dai sauditi dal 2015 in uno sforzo regionale per sostenere il governo del presidente Abd-Rabbu Mansour Hadi dopo essere stato estromesso dalla capitale Sanaa dai ribelli sciiti Houthi sostenuti dall'Iran.

Almeno 3000 truppe e diversi jet da combattimento sudanesi combattono nello Yemen come parte dell'operazione Decisive Storm guidata dai sauditi.

"Ci atteniamo ai nostri impegni nei confronti della coalizione e manterremo le nostre forze fino a quando l'alleanza non raggiungerà i suoi obiettivi", ha detto Hemetti al funzionario SUNA.

Diversi gruppi di opposizione, tra cui il Partito nazionale Umma di Sadiq al-Mahdi (e il Partito Comunista Sudanese n.d.t.) hanno espresso in passato la loro opposizione alla partecipazione sudanese all'operazione.

Domenica, il Consiglio militare di transizione ha dichiarato di aver avviato contatti con diversi paesi, tra cui il Regno dell'Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti (EAU), il Qatar, l'Etiopia e il Sud Sudan.

"Ci sono comunicazioni tra il consiglio militare e i leader di alcuni paesi, afferma il rapporto.

L'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi hanno annunciato il sostegno al consiglio militare, anche Riyadh si è impegnata a inviare aiuti urgentemente necessari senza ulteriori dettagli.

 
 
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna