NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

La ridicola guerra di Washington contro i media cinesi

Scritto da PCI Fed. Brescia.

Un'altra lezione di come un paese moderno e civile dovrebbe gestire le relazioni internazionali dalla Repubblica Popolare Cinese.

Bene, bravi, 7+

La ridicola guerra di Washington contro i media cinesi
Fonte: Global Times - tabloid quotidiano e sito dell'organo stampa del PCC, il "Quotidiano del Popolo", dedicato alle questioni internazionali.".
Pubblicato: 2020/3/3 18:03:40
https://www.globaltimes.cn/content/1181448.shtml

Trad. Semiautomatica.

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha annunciato lunedì che il Dipartimento di Stato imporrà limiti al numero di cittadini cinesi impiegati da cinque media cinesi. Queste agenzie di stampa ora impiegano circa 160 cittadini cinesi e il limite porterà questo numero a 100.

Questa è una mossa di ritorsione da parte degli Stati Uniti dopo che la Cina ha revocato le credenziali stampa di tre reporter del Wall Street Journal con sede a Pechino. È anche uno dei tanti modi in cui gli Stati Uniti stanno cercando di reprimere la Cina.

Washington ha inventato la guerra sui media. In primo luogo ha spinto i media cinesi a registrarsi come "agenti stranieri". Quindi ha designato le operazioni di cinque media cinesi negli Stati Uniti come "missioni straniere" e ora impone un limite al numero di giornalisti cinesi negli Stati Uniti. La Cina ha revocato le credenziali di stampa di tre reporter del WSJ come punizione per la pubblicazione di un titolo offensivo di quel gruppo e il loro rifiuto di scusarsi, che è un caso specifico. Ciò che gli Stati Uniti stanno facendo contro i media cinesi è la soppressione a livello politico. Le due questioni sono completamente diverse.

La Cina può anche contrattaccare contro i media statunitensi con sede in Cina, ma tali mosse ritorsive sarebbero senza precedenti. La Cina non ne sarebbe intimidita e Washington non dovrebbe pensare di avere più influenza in questo gioco di Pechino.

Non suggeriamo che la Cina segua la logica di Washington e si impegni in uno scontro botta e risposta. La Cina dovrebbe mantenere il proprio principio, continuare a offrire servizi e assistenza ai giornalisti stranieri con sede in Cina e svolgere la necessaria gestione. I giornalisti stranieri che violano l'etica professionale dovrebbero essere puniti indipendentemente dalla reazione di Washington.

Pompeo e i suoi colleghi non rispettano la legge dell'obiettività. Ricorrono agli approcci dell'era della Guerra Fredda senza riconoscere che il mondo di oggi è diverso da quello che era decenni fa. Pompeo e i suoi coetanei hanno messo l'etichetta "statale" sulle entità dei media cinesi e insistendo sul fatto che sono diversi dai media occidentali. Il loro obiettivo principale è quello di imbrattare l'immagine del sistema politico cinese. Sostenendo gli attriti dei media, abbelliscono l'isolamento geopolitico statunitense della Cina come crociata politica occidentale guidata dagli Stati Uniti contro la Cina.

Gli attriti statunitensi con la Cina derivano dal loro egoismo strategico. Washington si è lasciata andare all'isteria mentre tenta di provocare la Cina, sperando di usare il loro senso di superiorità morale come scusa per fare qualsiasi cosa.

La Cina e gli Stati Uniti hanno sistemi diversi e il ruolo dei loro media è diverso. I media tradizionali cinesi sono il canale attraverso il quale i cinesi conoscono il mondo. La comprensione del popolo cinese degli Stati Uniti e dell'Occidente è molto più profonda e meglio informata della comprensione della Cina da parte degli Stati Uniti e dell'Occidente. La società cinese è più amichevole con l'Occidente e vorrebbe imparare dall'Occidente, e i media tradizionali cinesi hanno contribuito molto a questa comprensione.

La Cina ha compiuto notevoli progressi, ma il paese è sempre più demonizzato dall'opinione pubblica occidentale. Dov'è l'equità e l'obiettività dei media statunitensi e occidentali così spesso decantati da Pompeo e dai suoi colleghi?

La politica cinese degli Stati Uniti sta andando troppo oltre, ma il modello generale dei legami bilaterali non è così disordinato e le relazioni della Cina con l'Occidente sono rimaste stabili. Questo dimostra che le parole e le opere di Pompeo e persone come lui sono scandalose, ma le norme delle relazioni internazionali sono più influenti del loro potere.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna