NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

NEWS

I Costi della Guerra : La guerra con la Corea del Nord sarebbe un duro colpo per i lavoratori americani

Scritto da PCI Fed. Brescia. Postato in NEWS

Di: Jacob Marx per 38north.org (traduzione di comunistibrescia.org)

2 ottobre 2018. Affari esteri

 

Lo scorso autunno, quando la guerra con la Corea del Nord sembrava imminente, la senatrice Lindsey Graham ha affermato che "se ci sarà una guerra per fermare [Kim Jong Un], sarebbe solo laggiù".

Ma per oltre 406.000 americani il cui lavoro dipende dal commercio con la Corea del Sud, questo non è vero. Sebbene un processo diplomatico sembri progredire, è importante ricordare la posta in gioco.

Mentre la penisola coreana sopporterebbe il peso della violenza fisica, gli Stati Uniti probabilmente subirebbero gravi danni economici. Anche senza armi nucleari, un conflitto nella penisola coreana potrebbe rallentare l'economia statunitense fino ai livelli del 2009 ed eliminare 45.000 posti di lavoro americani in solo due settori.

L'Economist Intelligence Unit, una sussidiaria della rivista The Economist, ha analizzato le industrie automobilistiche e agricole statunitensi per comprendere meglio l'impatto economico di una guerra. L'industria automobilistica è un mercato di importazione (la Corea è un fornitore di componenti chiave per le automobili costruite in America); l'agricoltura è un mercato di esportazione (la Corea è il sesto cliente per gli agricoltori statunitensi). Insieme, entrambe le industrie, riflettono quanto strettamente siano integrate le economie statunitense e coreana. Analizzando il numero di posti di lavoro a rischio in questi settori in specifici stati, le conseguenze di una guerra diventano più chiare.

Una guerra con la Corea del Nord avrebbe il maggiore impatto sull'industria automobilistica in tre stati: Michigan, Alabama e Georgia. Tra lavoratori, distributori e altre industrie di supporto, quasi 25.000 americani potrebbero perdere il lavoro.

In Georgia, sarebbero eliminati più di 11.000 posti di lavoro. Alcune di queste perdite sarebbero dovute allo stabilimento di Kia Motors a West Point, in Georgia, ma le spedizioni perse significano che le città portuali di Savanah e Brunswick potrebbero essere colpite ancora più duramente. Ci sarebbero anche importanti licenziamenti presso i concessionari di automobili, che con stipendi medi annui di $ 57.200 potrebbero avere un impatto enorme sull'economia della Georgia.

Mentre la Georgia perderebbe la maggior parte dei posti di lavoro, il Michigan sarebbe colpito più duramente perché i suoi lavoratori del settore guadagnano salari relativamente alti rispetto ad altri stati. Con il lavoro medio nella produzione che vale $ 73.100 all'anno, i licenziamenti di massa sarebbero devastanti per molte famiglie del Michigan.

In Alabama, dove Hyundai, Honda e Mercedes Benz hanno gli impianti, quasi 7000 posti di lavoro potrebbero scomparire. Il cento per cento delle importazioni di auto dell'Alabama dalla Corea del Sud sono sotto forma di componenti, che vengono poi utilizzati in modelli in tutto il mondo. Durante una guerra, questa linea di rifornimento potrebbe essere gravemente danneggiata se non distrutta.

L'analisi dell'Economist è in parte dovuta alla sua attenzione ai posti di lavoro legati alle importazioni: esiste già un gruppo di ricerche sui posti di lavoro legati alle esportazioni, tra cui Michigan, Alabama e Georgia. Secondo Korea Matters for America, il Michigan ha circa 8.000 posti di lavoro legati alle esportazioni verso la Corea del Sud ed esporta $ 1,4 miliardi all'anno in beni nei servizi. Le esportazioni della Georgia in Corea del Sud supportano 8.211 posti di lavoro e valgono all'incirca 1,5 miliardi di dollari l'anno. In Alabama, le esportazioni verso la Corea del Sud creano poco meno di 3.500 posti di lavoro.

The Economist inoltre, in questa ricerca, stima la perdita di posti di lavoro nel settore agricolo. La Corea del Sud è il sesto cliente più importante per gli agricoltori statunitensi e, in caso di guerra, la California, il Texas, il Nebraska, l'Iowa e l'Illinois sarebbero tutti duramente colpiti. Questi cinque stati potrebbero perdere in complesso fino a 20.000 posti di lavoro. In California, i coltivatori di riso e di arance subirebbero il peso maggiore. Il settore delle carni bovine perderebbe oltre 4.000 posti di lavoro solo in Texas e nel Nebraska. Nell'Iowa, i produttori di carne suina e le industrie collegate potrebbero licenziare ben 2.200 lavoratori. Nell'Illinois scompariranno circa 2.000 posti di lavoro nel settore della produzione alimentare.

Per contestualizzare questi numeri, si ricordi che l'impianto di condizionatori d'aria Carrier con sede a Indianapolis per il quale il presidente Trump e il vicepresidente Pence hanno combattuto per impedirne il trasferimento in Messico: quell'impianto sosteneva 2.100 posti di lavoro e, anche con le agevolazioni fiscali e il pieno peso della Casa Bianca, se ne sono potuti risparmiare meno di 1.000. Come disse un ex dipendente, "eravamo davvero una famiglia. Non è solo che ora sono un disoccupato non lontano dai senzatetto. Non troverò mai più un lavoro come questo ". Immaginate quell'esperienza per 45.000 lavoratori americani.

Questi casi studio aiutano a spiegare perché la guerra nella penisola coreana, anche senza armi nucleari, fermerebbe l'economia statunitense. La crescita del PIL statunitense si ridurrebbe all'1%, il più basso dalla crisi finanziaria del 2008, e ben lontano dal 4% promesso da Trump. I mercati finanziari si piegherebbero, i salari diminuirebbero e i prezzi del petrolio aumenterebbero.

L’impatto si farebbe sentire anche sotto l’albero di Natale. La Corea del Sud è il principale produttore mondiale di display LCD per smartphone e TV e la seconda più grande fonte di semiconduttori. I danni agli impianti di produzione potrebbero causare carenze in tutto il mondo nell'elettronica di consumo e richiedere diversi anni per essere sostituiti.

I costi economici per gli Stati Uniti iniziano davvero alla fine del conflitto. Secondo gli economisti Gareth Leather e Krystal Tan, si potrebbero raggiungere fino a 1 trilione di dollari per riunificare la Corea del Nord e del Sud. L'importo è approssimativamente quello che gli Stati Uniti hanno speso in 17 anni in Afghanistan, e fino a tre volte il costo stimato di riunificazione della Germania Est e Ovest. Ricostruire l'economia del Nord e gestire il flusso di rifugiati sarebbe particolarmente costoso. Gli Stati Uniti non potrebbero sottrarsi alla responsabilità di sostenere parte di queste spese.

Ricostruire l'economia del Sud richiederebbe anche enormi investimenti. La Corea del Sud è l'undicesima più grande economia del mondo ed la settima esportatrice di beni e servizi. È sede di importanti compagnie automobilistiche ed elettroniche, tra cui Samsung e LG, oltre a Hyundai e Kia. Leather and Tan scrive che "Se gli Stati Uniti spendessero proporzionalmente la stessa somma per la ricostruzione in Corea come in Iraq e in Afghanistan, aggiungerebbero un altro 30 percento del PIL al loro debito nazionale".

Mentre i costi umani sono fondamentali, ci sono importanti lezioni da trarre dall'analisi economica di una possibile guerra nella penisola coreana. Innanzitutto, l'alleanza USA-Corea del Sud rende entrambi i paesi più forti, più sicuri e più prosperi. Mantenere la pace è nell'interesse nazionale di entrambi i paesi. Secondo, l'amministrazione e il Congresso devono essere onesti con il popolo americano su cosa significherebbe se alla fine la questione nordcoreana dovesse essere risolta con la forza.

 

Una cosa è chiara. Una guerra con la Corea del Nord non sarebbe solo "laggiù".

 
 
 
 
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna