NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

NEWS

Dichiarazione del Movimento dei Paesi Non Allineati sulla Palestina

Scritto da PCI Fed. Brescia. Postato in NEWS

Dichiarazione del Movimento dei Paesi Non Allineati sulla Palestina

da http://mppre.gob.ve/2019/07/22/declaracion-politica-del-comite-ministerial/

Traduzione di Redazione comunistibrescia.org

I ministri del Comitato ministeriale del Movimento dei Paesi Non Allineati (NAM) si sono riuniti il ​​20 luglio 2019 a Caracas, nella Repubblica Bolivariana del Venezuela, nell'ambito della riunione ministeriale dell'Ufficio di coordinamento del movimento, tenendo conto della necessità prevalente di affrontare gli eventi decisivi sulla scena internazionale e il continuo deterioramento della situazione sul campo, che sta minando pericolosamente i diritti inalienabili e le legittime aspirazioni nazionali del popolo palestinese e le aspettative di una soluzione pacifico ed equo per la questione palestinese.


I ministri, sin dall'inizio, hanno dichiaratoil il fermo impegno nei confronti dei principi e delle posizioni riguardanti la questione palestinese adottati nelle precedenti dichiarazioni del Comitato, tra le altre, le recenti dichiarazioni ministeriali adottate il 5 aprile 2018 a Baku, Repubblica dell'Azerbaigian, nel quadro della XVIII riunione ministeriale del Movimento corrispondente alla metà del periodo e il 26 settembre 2018, nell'ambito del riunione di alto livello della 74a sessione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, a New York, in cui, tra le altre cose, la decisione di sfida presa dal governo degli Stati Uniti è stata denunciata il 6 dicembre 2017 in merito a Gerusalemme, che viola il diritto internazionale e le relative risoluzioni delle Nazioni Unite. Inoltre, hanno riaffermato la loro permanente solidarietà con il popolo palestinese e il costante sostegno alla loro giusta causa.
I ministri hanno sottolineato che una soluzione equa e duratura alla questione della Palestina in tutti i suoi aspetti deve rimanere una priorità nell'agenda del movimento. Pertanto, i ministri hanno invitato i membri del movimento a rinnovare il loro impegno e a rafforzare e coordinare maggiormente i loro sforzi per promuovere la realizzazione della giustizia e i diritti inalienabili del popolo palestinese, come l'autodeterminazione e l'indipendenza. A questo proposito, i Ministri hanno sottolineato l'importanza e la necessità di agire, in considerazione della delicata situazione e delle sfide estreme che hanno dovuto affrontare durante più di 52 anni di occupazione straniera israeliana illegale in Palestina e oltre 71 anni dalla tragica Nakba del popolo palestinese nel maggio 1948.
I Ministri hanno ribadito l'importanza di sostenere la realizzazione dei diritti inalienabili del popolo palestinese allo status di Stato indipendente e sovrano, in conformità con il diritto internazionale e le pertinenti risoluzioni delle Nazioni Unite, per adempiere alle responsabilità e agli impegni internazionali storici sulla questione della Palestina e preservare il sistema internazionale basato sui diritti e l'ordine internazionale basato sugli standard, che sono minacciati da gravi difficoltà e tentativi di minarli.
I Ministri, per solidarietà, hanno ribadito il loro sostegno alle iniziative dello Stato di Palestina nelle Nazioni Unite, comprese le risoluzioni sulla questione della Palestina che vengono presentate ogni anno nei vari Comitati dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite e agiscono immediatamente nel coordinare le posizioni al fine di incoraggiare e mobilitare il sostegno agli Stati membri. A questo proposito, hanno accolto con favore il fatto che lo Stato della Palestina abbia assunto la presidenza del gruppo dei 77 per l'anno 2019 e ha ribadito il loro sostegno a questa importante iniziativa.
I ministri hanno inoltre sottolineato l'importanza dell'unità e del sostegno agli Stati membri del NAM in seno al Consiglio di sicurezza. Hanno ribadito la loro proposta di pace presentata da SE. Mahmoud Abbas al Consiglio di sicurezza del 20 febbraio 2018 e ha richiesto il supporto per la sua richiesta di tenere una conferenza internazionale sulla pace basata sui parametri e sui termini di lunga data del processo di pace, in conformità con le pertinenti risoluzioni delle Nazioni Unite e dell'Arab Peace Initiative, e hanno chiesto che siano fatti sforzi e sforzi attivi per promuovere questa iniziativa da coordinare.
I ministri hanno sottolineato l'urgente necessità di attuare una mobilitazione e di compiere sforzi per alleviare le difficoltà che il popolo palestinese subisce, per porre fine alle gravi violazioni del diritto internazionale perpetrate da Israele, la potenza occupante, nel territorio palestinese occupato, compresa Gerusalemme est e promuovere una soluzione giusta e pacifica alla questione della Palestina sulle risoluzioni pertinenti delle Nazioni Unite. Hanno espresso profonda preoccupazione perché la mancanza di responsabilità per le violazioni ha ulteriormente aumentato l'impunità di Israele, che ha destabilizzato la situazione sul territorio e ridotto le prospettive di pace. Hanno anche deplorato qualsiasi supporto o cooperazione con le azioni illegali e l'impunità di Israele.
I ministri hanno chiesto sforzi multilaterali consolidati volti a raggiungere senza indugio la fine dell'occupazione israeliana iniziata nel 1967 e raggiungere una soluzione globale, equa, duratura e pacifica basata sulle pertinenti risoluzioni delle Nazioni Unite, i termini di riferimento da Madrid, come il principio della terra per la pace, l'iniziativa di pace degli arabi, sottolineando che una soluzione pacifica alla questione della Palestina è essenziale per stabilire la pace e la stabilità nel Medio Oriente e nel mondo.
I ministri hanno ribadito la loro disponibilità a contribuire al raggiungimento di una soluzione giusta e pacifica e hanno chiesto di intensificare gli sforzi internazionali e regionali per raggiungere questo obiettivo, come richiesto dalla risoluzione del Consiglio di sicurezza 2334 (2016). Hanno ricordato , in particolare, le responsabilità del Consiglio di sicurezza e dell'Assemblea generale, conformemente alla Carta e alle risoluzioni pertinenti.
I ministri hanno chiesto con urgenza assistenza politica, economica e umanitaria al popolo palestinese e sostengono i loro sforzi per realizzare i loro diritti inalienabili, come l'autodeterminazione e la libertà nel loro Stato palestinese indipendente, con Gerusalemme est come capitale, sulla base dei confini pre-1967 e una soluzione giusta per i rifugiati palestinesi, basata sulla risoluzione 194 (III) dell'Assemblea Generale, e per raggiungere una vera pace, sicurezza e convivenza. Hanno ribadito il loro impegno di lunga data e la ferma determinazione a garantire sostegno in tal senso.
I ministri hanno ribadito la loro profonda preoccupazione per l'attuale deterioramento della situazione e hanno sottolineato la necessità di adottare misure urgenti per mobilitare la comunità internazionale, compreso il Consiglio di sicurezza, conformemente agli obblighi espressi nella loro Carta, per vincolare Israele, la Potenza occupante, per cessare completamente le attività di insediamento illegale nel territorio palestinese occupato e Gerusalemme Est, atti di violenza, provocazione e incitamento, incluso ad Al-Haram Al-Sharif, il blocco perpetrato per più di un decennio contro la Striscia di Gaza, l'arresto e l'abuso di prigionieri palestinesi, misure di punizione collettiva contro la popolazione civile palestinese e tutte le altre pratiche illegali e violazioni dei diritti umani.
I ministri hanno espresso profonda preoccupazione per l'impatto della continua assenza di un orizzonte politico credibile per risolvere equamente il conflitto e realizzare i diritti del popolo palestinese. Hanno deplorato profondamente la continua intransigenza di Israele, l'ostruzione degli sforzi di pace e il rafforzamento della sua occupazione militare per oltre cinquantadue anni, attraverso vari piani e misure illegali nel territorio palestinese occupato e Gerusalemme est, il territorio che costituisce lo stato della Palestina e ha espresso seria preoccupazione a causa della conseguente crisi dei diritti umani e della crisi di protezione che è stata deliberatamente inflitta al popolo palestinese, alla crescente insicurezza e alla sofferenza umanitaria e socio-economica, in particolare a Gaza, dove le condizioni sono estremamente gravi.
I Ministri hanno condannato fermamente gli attacchi militari di Israele contro la popolazione civile nella Striscia di Gaza assediata, in grave violazione del diritto internazionale e del diritto internazionale umanitario, delle norme sui diritti umani e delle disposizioni pertinenti sulla protezione dei civili nei conflitti armato. I Ministri hanno condannato i crimini commessi dalla Potenza occupante contro innocenti civili palestinesi durante la "Grande marcia del ritorno", una protesta contro l'occupazione illegale, l'oppressione e l'espropriazione del popolo palestinese da parte di Israele e hanno chiesto la revoca del blocco israeliano per assicurare l'esercizio del diritto palestinese al ritorno. Hanno deplorato l'assassinio commesso dalle forze di occupazione israeliane di oltre 300 palestinesi, compresi i bambini, oltre 30.000 persone ferite, molte delle quali ferite gravemente e permanentemente disabili con oltre 120 amputazioni.
I Ministri si sono rammaricati profondamente per la continua mancanza di protezione del popolo palestinese in conformità al diritto internazionale umanitario e alle pertinenti risoluzioni delle Nazioni Unite, compresa la risoluzione dell'Assemblea generale ES-10/20, e tenendo debitamente conto delle proposte formulato dal Segretario generale nella sua recente relazione (A / ES-10/794) per fornire protezione internazionale, nonché le importanti raccomandazioni formulate dalla Commissione internazionale indipendente d'inchiesta del Consiglio per i diritti umani nella relazione sulle proteste nel territorio Palestinese occupato (A / HRC / 40/74). Hanno reiterato il loro appello alla protezione per scoraggiare la violenza contro i civili e garantire la sicurezza, il benessere e la protezione della popolazione civile palestinese, e si sono impegnati a sostenere la Palestina in tutti i suoi sforzi per dare seguito a questi importanti rapporti.

I ministri hanno invitato gli Stati a, individualmente e collettivamente, con tutti i mezzi politici, diplomatici e legali, a compiere sforzi urgenti per far sì che Israele, la potenza occupante, si assuma la responsabilità di tutte le sue violazioni contro il territorio palestinese Gerusalemme occupata e orientale, comprese misure illegali di colonizzazione e gravi violazioni dei diritti umani. Hanno sottolineato la necessità di sottolineare le conseguenze delle continue violazioni da parte di Israele e il palese disprezzo da parte del Consiglio di Sicurezza e dell'Assemblea Generale e le relative risoluzioni. Anche gli Stati membri del Comitato Parti dello Statuto di Roma hanno affermato l'importanza della Corte penale internazionale (CPI) che affronta i crimini di guerra e i crimini contro l'umanità commessi da Israele contro il popolo palestinese e ha sottolineato l'importanza di applicare la giustizia per porre fine a tali crimini e impunità.
I Ministri hanno ribadito la loro richiesta a quei paesi che non hanno riconosciuto lo Stato di Palestina di farlo immediatamente, come espressione del loro sincero impegno per la pace basato sulla soluzione di due Stati e sul loro rispetto del diritto e della legalità internazionali. Hanno espresso il loro sostegno agli sforzi compiuti dallo Stato della Palestina per pubblicizzare questo fatto e hanno sottolineato l'importanza di ottenere un maggiore riconoscimento nell'attuale periodo, per contribuire alla conservazione della soluzione a due Stati alle frontiere prima 1967 e il recupero delle prospettive di pace.
I ministri hanno esortato i paesi che hanno riconosciuto lo Stato di Palestina a riaffermare pubblicamente che Gerusalemme Est è la capitale dello Stato di Palestina e agli Stati di chiarire esplicitamente la fede che il loro riconoscimento delle relazioni diplomatiche con Israele si basa anche sui confini precedenti al 1967 e che nessuna sovranità israeliana è riconosciuta sulla linea del 1967 (Armistice Line del 1949) e su Gerusalemme Est. essi hanno sottolineato che tale azione sarebbe anche in linea con i suoi obblighi ai sensi della risoluzione 2334 (2016), in particolare i paragrafi 3 e 5 operativi relativi al mancato riconoscimento di qualsiasi modifica delle linee del 1967, anche rispetto a Gerusalemme. A tale proposito, hanno esortato gli Stati a fare questa distinzione nei loro rapporti con Israele, la Potenza occupante. Hanno sollecitato l' adozione di misure serie, individuali e collettive, per rispettare e adempiere a tale obbligo.
I Ministri hanno ricordato il comunicato rilasciato il 6 dicembre 2017 dall'Ufficio di coordinamento del movimento in cui hanno denunciato con forza la decisione provocatoria e unilaterale del governo degli Stati Uniti su Gerusalemme e il trasferimento ufficiale dell'Ambasciata degli Stati Uniti di Israele alla città di Gerusalemme il 14 maggio 2018, in violazione del diritto internazionale, delle pertinenti risoluzioni delle Nazioni Unite e del divieto della Carta dell'acquisizione del territorio con la forza. Hanno denunciato decisioni simili prese da altri Stati e hanno chiesto la fine di queste azioni illegali e provocatorie e il rispetto della Carta e delle pertinenti risoluzioni delle Nazioni Unite.
A tale proposito, i Ministri hanno inoltre ricordato l'adozione della risoluzione dell'Assemblea Generale ES-10/19 del 21 dicembre 2017, in cui sono state ribadite le relative risoluzioni, la richiesta è stata ribadita a tutti gli Stati per astenersi dallo stabilire missioni diplomatiche nella Città Santa di Gerusalemme, conformemente alla risoluzione 478 (1980) del Consiglio di sicurezza e ha sottolineato che il problema di Gerusalemme è la determinazione dello status finale che deve essere risolto attraverso negoziati in linea con le pertinenti risoluzioni della Nazioni Unite. I ministri hanno anche riconosciuto e accolto con favore la decisione del governo del Paraguay di revocare la sua decisione di spostare la sua ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme.
I Ministri hanno espresso la loro profonda angoscia in merito alle decisioni e azioni degli Stati Uniti per incoraggiare Israele a continuare la ricerca delle sue politiche e pratiche illegali per consolidare successivamente il suo controllo e l'annessione di fatto illegale alla città. D'altro canto, i Ministri hanno denunciato categoricamente che tali azioni avranno ampio raggio, ripercussioni negative e destabilizzanti. A questo proposito, i Ministri deplorano fortemente le continue attività di colonizzazione, in tutte le sue manifestazioni, compresi annunci e decisioni per intensificare l'espansione e la costruzione di insediamenti e l'espansione e la costruzione di insediamenti e il Muro, lo spostamento forzato di migliaia di palestinesi, comprese le famiglie beduine, in particolare , nelle aree occupate di Gerusalemme est e della valle del Giordano, compresa la delicata area nota come "E-1"; la confisca di vaste aree di terra palestinese, lo sfruttamento e il furto di risorse naturali, la distruzione di altre cento case e proprietà palestinesi e la revoca della residenza palestinese nella Gerusalemme est occupata.
I ministri hanno deplorato e chiesto la fine delle violazioni, provocazioni e istigazioni di funzionari e estremisti israeliani riguardo a AL-Haram Al-Sharif. Hanno esortato a rispettare lo status quo storico del luogo sacro e la custodia storica del regno hascemita di Giordania per i luoghi santi cristiani e musulmani in città e per la protezione della santità di quei luoghi.
I ministri hanno condannato i piani di annessione illegale da parte di Israele. Fanno un appello a tutti gli Stati a respingere tali dichiarazioni provocatorie e hanno chiesto di eseguire azioni forti per sostenere il diritto internazionale, tutela dei diritti inalienabili del popolo palestinese e il ripristino di opportunità eque per la pace. Hanno sottolineato l'urgente necessità di applicare pienamente le soluzioni pertinenti, come la responsabilità per tutte le violazioni commesse dalla Potenza occupante. I ministri hanno condannato e respinto l'adozione del cosiddetto "Stato di nazione e legge" da parte della Potenza occupante, che è esplicitamente collegata all'apartheid e alla discriminazione etnica contro i cittadini palestinesi di Israele e i residenti palestinesi di Gerusalemme, ma cerca anche di intensificare la colonizzazione di Israele, segregazione e discriminazione del regime nel territorio palestinese occupato e Gerusalemme est.
I ministri hanno ribadito l'urgenza di sostenere l'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi in Oriente (UNRWA), a seguito della decisione punitiva e ingiustificata del governo degli Stati Uniti di porre fine al suo finanziamento e la sua campagna negativa in corso contro l'Agenzia. Hanno denunciato questa decisione, che non solo affronta il segmento più vulnerabile del popolo palestinese minando la fornitura di assistenza umanitaria e allo sviluppo a oltre 5,4 milioni di rifugiati, ma minaccia anche la stabilità dell'intera regione. Hanno esortato tutti gli Stati a fornire un maggiore sostegno almissione e lavoro dell'Agenzia UNRWA e suo rinnovo attraverso l'Assemblea Generale quest'anno. Hanno anche chiesto un aumento dei fondi assegnati all'Agenzia per garantire assistenza ai rifugiati palestinesi, in modo ininterrotto in tutte le aree operative e per garantire una vita dignitosa a se stessi e alle loro famiglie, in attesa di una soluzione equa alla loro situazione. , in conformità con la risoluzione 194 (III) dell'Assemblea Generale, l'Arab Peace Peace Initiative e con le relative risoluzioni dell'Assemblea Generale. essi hanno riaffermato che l'assistenza dell'UNRWA è cruciale per la protezione, il benessere e la resilienza sociale dei rifugiati e per la stabilità di queste comunità e dei paesi ospitanti, che è ugualmente essenziale per preservare le prospettive di pace e promuoverne la realizzazione.
I ministri hanno ribadito il loro riconoscimento del sostegno fornito da diversi Stati membri della NAM a sostegno dell'UNRWA e hanno invitato a continuare, per quanto possibile, a sostenere tali sforzi, l'Agenzia in vista della grave crisi finanziaria che continua a soffrire L'UNRWA e le chiamate urgenti fatte dal Commissario generale alla Conferenza sulle promesse dei contributi tenutasi il 25 giugno 2019. Hanno sottolineato che questa mobilitazione è una componente fondamentale degli sforzi per fornire assistenza umanitaria e socio-economica al popolo palestinese e lo sviluppo necessario per alleviare la grave situazione umanitaria che continuano a soffrire sotto l'occupazione israeliana, in particolare nella Striscia di Gaza e rafforzare la loro capacità nazionale.

I ministri hanno esortatocontinuare a fornire assistenza per la ripresa economica e lo sviluppo dei palestinesi, come il rafforzamento delle istituzioni e delle infrastrutture statali, in linea con le priorità nazionali e i piani di sviluppo del popolo palestinese. Hanno invitato Israele a cessare le sue pratiche ostruttive e illegali che danneggiano la ripresa e lo sviluppo socioeconomico dei palestinesi e hanno chiesto in particolare la sospensione immediata del blocco israeliano della Striscia di Gaza e la fine della ritenuta punitiva delle entrate fiscali palestinesi. Si sono impegnati a sostenere gli sforzi per affrontare la crisi economica palestinese e hanno chiesto ai membri del movimento di fare tutto il possibile per fornire assistenza.

I Ministri hanno espresso il loro apprezzamento per l'impegno personale e incondizionato di Sua Eccellenza, Sig. Nicolás Maduro Moros, Presidente della Repubblica Bolivariana del Venezuela, nella sua qualità di Presidente del Movimento non allineato (NAM), nel sostenere e promuovere le posizioni del Movimento rispetto alla Palestina.

I ministri hanno invitato a raddoppiare gli sforzi internazionali, a livello governativo, intergovernativo e non governativo, per raggiungere questi nobili obiettivi il più rapidamente possibile, sottolineando che una soluzione pacifica alla questione della Palestina è essenziale per stabilire la pace e la stabilità in Il Medio Oriente Hanno richiesto il seguito e l'attuazione di tutte le misure proposte adottate in precedenti dichiarazioni ministeriali, riunioni ministeriali e vertici del movimento in merito alla questione della Palestina, al fine di contrastare i recenti eventi negativi e pericolosi, accrescendo la solidarietà con il popolo palestinese e la sua leadership in questo momento critico e il recupero delle prospettive per una soluzione giusta e pacifica.
I ministri si sono impegnati a rimanere in costante contatto e coordinamento per difendere i principi e le posizioni qui dichiarati a sostegno di una soluzione giusta, duratura, completa e pacifica alla questione della Palestina e ai suoi risultati senza indugio e in solidarietà con il popolo palestinese in questo momento critico.
Caracas, 20 luglio 2019

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna