NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

USA

  • I Costi della Guerra : La guerra con la Corea del Nord sarebbe un duro colpo per i lavoratori americani

    Di: Jacob Marx per 38north.org (traduzione di comunistibrescia.org)

    2 ottobre 2018. Affari esteri

     

    Lo scorso autunno, quando la guerra con la Corea del Nord sembrava imminente, la senatrice Lindsey Graham ha affermato che "se ci sarà una guerra per fermare [Kim Jong Un], sarebbe solo laggiù".

    Ma per oltre 406.000 americani il cui lavoro dipende dal commercio con la Corea del Sud, questo non è vero. Sebbene un processo diplomatico sembri progredire, è importante ricordare la posta in gioco.

    Mentre la penisola coreana sopporterebbe il peso della violenza fisica, gli Stati Uniti probabilmente subirebbero gravi danni economici. Anche senza armi nucleari, un conflitto nella penisola coreana potrebbe rallentare l'economia statunitense fino ai livelli del 2009 ed eliminare 45.000 posti di lavoro americani in solo due settori.

    L'Economist Intelligence Unit, una sussidiaria della rivista The Economist, ha analizzato le industrie automobilistiche e agricole statunitensi per comprendere meglio l'impatto economico di una guerra. L'industria automobilistica è un mercato di importazione (la Corea è un fornitore di componenti chiave per le automobili costruite in America); l'agricoltura è un mercato di esportazione (la Corea è il sesto cliente per gli agricoltori statunitensi). Insieme, entrambe le industrie, riflettono quanto strettamente siano integrate le economie statunitense e coreana. Analizzando il numero di posti di lavoro a rischio in questi settori in specifici stati, le conseguenze di una guerra diventano più chiare.

    Una guerra con la Corea del Nord avrebbe il maggiore impatto sull'industria automobilistica in tre stati: Michigan, Alabama e Georgia. Tra lavoratori, distributori e altre industrie di supporto, quasi 25.000 americani potrebbero perdere il lavoro.

    In Georgia, sarebbero eliminati più di 11.000 posti di lavoro. Alcune di queste perdite sarebbero dovute allo stabilimento di Kia Motors a West Point, in Georgia, ma le spedizioni perse significano che le città portuali

    ...
  • Povertà` estrema nella ricca America, un quadro allarmante.

    Dalle colonne del New York Times traduciamo e riportiamo un'articolo diAngus Deaton(professore di economia e affari internazionali presso la Princeton University, professore di economia alla University of Southern California e nel 2015 Premio Nobel per l'economia) sulla reale situazione della poverta' negli Stati Uniti.

    Si potrebbe pensare che il tipo di estrema povertà che riguarderebbe un'organizzazione globale come le Nazioni Unite sia da tempo scomparsa negli Stati Uniti. Eppure il relatore speciale Onu sulla povertà estrema e sui diritti umani, Philip Alston, ha recentemente eseguito e relazionato un tour investigativo negli Stati Uniti.

    Sicuri che nessuno negli Stati Uniti oggi sia povero come un povero in Etiopia o in Nepal? Oggi fare questi confronti è diventato molto più facile. La Banca Mondiale ha deciso in Ottobre di includere i paesi ad alto reddito nelle sue stime globali sulle persone che vivono in condizioni di povertà. Ora possiamo fare confronti diretti tra Stati Uniti e paesi poveri.

  • L'impero americano implode, sia in casa che all'estero.

    di John Wright*
    La crisi e il caos che stanno inghiottendo il Medio Oriente e l'Ucraina sono segno del declino dell'impero Statunitense, anche Washington impara la dura lezione che nessun impero è eterno.
    Sulla scia della guerra del Vietnam - la cui fine è stata segnata dalla notizia di personale degli Stati Uniti e pochi collaboratori vietnamiti evacuati dal tetto dell'ambasciata americana a Saigon nel 1975 - gli Stati Uniti entrarono in un prolungato periodo di declino in merito alla capacità di avviare importanti operazioni militari.

    Nonostante il massiccio potere distruttivo del suo arsenale, i vietnamiti avevano dimostrato che gli Stati Uniti erano come un gigante dai piedi d'argilla. Il nome dato a questo periodo di ritiro è stato 'sindrome del Vietnam' e durò dal 1975 al 1991, quando gli Stati Uniti e una coalizione internazionale intrapreso la prima guerra del Golfo per contrastare le truppe irachene in Kuwait.

    Ora stiamo assistendo a un periodo simile di declino imperiale per quanto riguarda l'incapacità di Washington di mettere in scena operazioni militari su larga scala, a seguito delle fallite occupazioni dell'Afghanistan e dell'Iraq, le quali nulla hanno raggiunto nulla se non l'emersione del terrorismo e dell'estremismo in tutta la regione, e per estensione nel mondo intero.

  • INCONTRO PUBBLICO CON GIULIETTO CHIESA - C.S. 28 MAGGIO - ROVATO (BS) - 6/2/15 (VIDEO)

  • USA, UE e la glorificazione del Nazismo

    Tre paesi hanno votato NO alla risoluzione contro la glorificazione del nazismo, adottata dalla III Commissione dell'Assemblea Generale dell'ONU: si tratta di USA, Canada e, ovviamente, Ucraina.
    115 paesi hanno votato a favore, 55 si sono astenuti tra cui i paesi UE.