NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

IVECO BRESCIA - UNA PETIZIONE CONTRO LA DEINDUSTRIALIZZAZIONE

Scritto da PCI Fed. Brescia.

E' stata presentata alla stampa ieri, Giovedi' 13 Dicembre ai cancelli dell'Iveco di Brescia, la petizione rivolta alle autorità cittadine, provinciali e regionali, alle forze politiche e alle associazioni industriali, per un confronto con i lavoratori e i cittadini sul futuro dello stabilimento di Brescia e, più in prospettiva, del futuro industriale della città.

L'appello, del quale si fanno promotori il Partito Comunista Italiano e la sezione bresciana del Partito dei C.A.R.C., nasce dai lavori di un intergruppo denominato "Futuro Iveco" che raccoglie, oltre ai militanti delle suddette organizzazioni, alcuni lavoratori del gruppo e di altre realtà industriali cittadine.

Lo stabilimento di via Volturno viene preso come simbolo di ciò che rimane di una città che aveva nell'industria il suo punto di forza e di ricchezza che è stato negli anni, e il processo è ancora in corso, smantellato nel nome di una terziarizzazione dell'economia che ha portato, e i dati sul livello medio dei salari lo dimostrano, ad un impoverimento generale delle famiglie e al lacerarsi del tessuto sociale cittadino e provinciale.

Rileviamo, con rammarico, che di tutte le testate giornalistiche e radiofoniche convocate si è presentato solo il Giornale di Brescia.

Di seguito il testo della petizione consultabile sul sito futuroiveco.wordpress.org  sul quale è possibile aderire alla raccolta firme.

Prorogate le sanzioni alla Russia: 3 miliardi all'anno di perdite per l'export italiano

Scritto da PCI Fed. Brescia.

L'UE, all'unanimità, proroga le sanzioni alla Russia per le (presunte) violazioni al Trattato di Minsk.

Ricordiamo al "governo del cambiamento" che l'export italiano ha una perdita di circa 3 miliardi all'anno che colpisce il già fragile settore agroalimentare dei quali 450 milioni circa nella sola Lombardia.
Prima gli interessi degli italiani o quelli della NATO?

Riprendiamo dal sito di Coldiretti:

Le esportazioni Made in Italy in Russia sono state di poco inferiori a 8 miliardi nel 2017, circa 3 miliardi in meno del 2013, l’anno precedente all’introduzione delle sanzioni. E’ quanto afferma la Coldiretti (www.coldiretti.it) in riferimento al fatto che il parlamento russo si prepara a rispondere alle nuove sanzioni Usa con un disegno di legge che limitera’ le importazioni di alcol, tabacco, generi alimentari e prodotti agricoli dagli Stati Uniti e da quei paesi che sostengono le sanzioni americane.

Francia: La CGT verso uno sciopero generale della funzione pubblica

Scritto da PCI Fed. Brescia.

Il sindacato francese della funzione pubblica (Fédération CGT des Services publics) chiama ad uno sciopero generale del settore per tutto il mese di Dicembre contro le politiche del governo Macron. Di seguito il comunicato del Segretario Generale (https://www.cgtservicespublics.fr/les-luttes/actualites-des-luttes-2018/preavis-de-greve-2018/article/preavis-de-greve-preavis-de-greve-de-0-h-a-24-h-pour-les-journees-des-9-10-11) nella traduzione della nostra redazione.

 

Avviso di sciopero dalle 00:00 alle 24:00 dal 9 al 31 dicembre 2018

 

Onorevoli Ministri,

 

La situazione attuale dimostra il profondo rifiuto della politica regressiva del vostro governo.

 

In questo contesto, e nella mobilitazione avviata dalla CGT per fare di dicembre un mese di lotta, la Federazione CGT della funzione pubblica ritiene necessario agire.

 

Per troppi anni abbiamo denunciato le conseguenze delle politiche dei governi succedutisi.

 

Le riforma avviata dalla legge del 16 dicembre 2010 e le leggi HPST e MAPTAM OuR del 2012, 2014 e 2016 hanno costantemente distrutto i servizi pubblici locali: nelle nostre comunità, negli ospedali, nei servizi statali ...

 

Allo stesso tempo, i servizi pubblici: trasporti pubblici, acqua, alloggi, servizi sanitari, assistenza personale, assistenza ai minori, servizi culturali, sport, pulizia, ecc. sono stati distrutti o privatizzati. Stanno scomparendo a detrimento di gran parte della popolazione che vive alla periferia di grandi centri urbani e nelle aree rurali.

 

I salari sono stati congelati troppo a lungo e la creazione di ricchezza è riservata ai "primi della cordata".

 

Le condizioni di lavoro e di vita continuano a deteriorarsi.

 

Intervista a Francesco Maringiò al XX incontro internazionale dei Partiti Comunisti

Scritto da PCI Fed. Brescia.

da amna.gr

Pubblichiamo, nella traduzione di MARX21.it un'intervista che Francesco Maringiò ha rilasciato in occasione del XX incontro internazionale dei Partiti Comunisti


A più di 100 anni della rivoluzione di ottobre ci sono persone che ritengono il comunismo una cosa del passato. Lei è d'accordo? Cosa significa essere comunista nel 21° secolo?

Chi considera il comunismo una cosa del passato commette due errori principali. Il primo è quello di aver creduto alla campagna mediatica occidentale che ha cercato di far passare l’idea che la fine dell’esperienza sovietica coincidesse con la fine del comunismo nel mondo.

FMI - WB - OMC – Le spaventose minacce sulla de-globalizzazione e la guerra dei dazi - Il ritorno delle nazioni sovrane.

Scritto da PCI Fed. Brescia.

Pubblichiamo, come contributo alla discussione sulla “questione nazionale”, un intervento di Peter Koenig*, pubblicato dal sito www.globalresearch.ca nella traduzione della nostra redazione.

 

I rappresentanti chiave dei tre principali criminali della finanza e del commercio internazionale, l'FMI, la Banca mondiale (WB) e l'Organizzazione mondiale del commercio (OMC), si sono incontrati nella lussureggiante isola di Bali, Indonesia, e hanno avvertito il mondo delle terribili conseguenze in termini di riduzione degli investimenti internazionali e do declino della crescita economica a seguito delle guerre commerciali in continua espansione avviate e istigate dall'Amministrazione Trump. Hanno criticato il protezionismo che potrebbe attirare i paesi verso il declino della prosperità. Il FMI taglia le sue previsioni di crescita economica globale per l'anno in corso e per il 2019.

Questo è puro allarmismo basato sul nulla. In effetti, la crescita economica del passato che si sostiene sia dovuta ad un aumento degli scambi e degli investimenti ha servito una piccola minoranza e ha spinto un crescente cuneo tra ricchi e poveri dei paesi sia in via di sviluppo che industrializzati. È interessante come nessuno parli mai della distribuzione interna della crescita del PIL della quale si vantano questi gestori e strumenti dell’imperialismo; nessuno sembra mai mettere in discussione il modo in cui vengono calcolati questi tassi di crescita.

Il conflitto tra capitale e lavoro è una vera e propria guerra

Scritto da PCI Fed. Brescia.

 
 
Nel conflitto tra capitale e lavoro, vera e propria guerra in atto nei luoghi di lavoro, chi vive del proprio lavoro continua a morire.

Le cause sono evidenti:
- mancanza di sicurezza,
- ritmi di lavoro sempre più alienanti,
- retribuzioni insufficienti a condurre una vita decente,
- cancellazione di diritti,
- crescente precarietà,
- competizione e divisione tra i lavoratori,
...
in poche parole, brutale sfruttamento che lavoratrici e lavoratori devono subire per sopravvivere.

Tutto in nome "dell'impresa" e "del profitto".

Nella guerra in atto non esiste alcuna "pace", nessuna "tregua".

IL BILANCIO INVATEC/MEDTRONIC E LA MERITOCRAZIA

Scritto da PCI Fed. Brescia.

 

20.249.000 euro, su un fatturato di oltre 70 milioni.

Questo, secondo quanto riportato dal rapporto Brescia 1000 imprese a cura di Bresciaoggi, l'utile relativo all'esercizio 2017 di Invatec S.p.a. Queste dunque le performance finanziarie alla vigilia della decisione della multinazionale controllante Medtronic, primo player mondiale nel settore dei medical device, di cessare le attività in tutti e due gli stabilimenti bresciani rimasti attivi del gruppo e delocalizzare la produzione in Messico e Irlanda. Perché in fondo, in un'economia liberale, non conta quanto tu sia bravo a fare qualcosa, ma se esiste qualcuno disposto a farlo a meno.

È questa meritocrazia? Forse sì, ma finché si confrontano aree economiche omogenee. quando si iniziano a confrontare le mele con le pere, l'Italia con il Messico o l'Irlanda (che, ricordiamo, è stata soggetta a più di una procedura infrazione per la prassi di "aggiustare" le aliquote fiscali alle multinazionali) ecco che la retorica liberale della meritocrazia perde tutto il suo potere immaginifico e si svela per ciò che é, ovvero la retorica dell'ipocrisia, del sottosviluppo, della povertà e della regressione. La stessa retorica che suona il requiem delle democrazie occidentali, ormai del tutto prone e succubi agli interessi finanziari internazionali dietro una patina sempre più sottile di legittimità costituzionale.

COMMISSIONE LAVORO PCI BRESCIA