NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Comunicato della Federazione Giovanile di Brescia

Scritto da PCI Fed. Brescia.

Con riferimento all'intervento della Segreteria Provinciale del 4 aprile 2020 riteniamo necessario proseguire la riflessione sulla ripresa delle attività produttive. 

Il contesto che man mano prende forma all'orizzonte si dimostra tutt'altro che roseo per la nostra già traballante economia. Il rischio che il Paese vada verso la più grave recessione economica dalla fine della Seconda Guerra Mondiale si sta purtroppo materializzando.

Lo Stato e lUnione Europea dispongono di risorse economiche e finanziare forse a malapena sufficienti per far fronte alle conseguenze, dirette e indirette, che questa emergenza sanitaria comporta. Inoltre, come affermato nel comunicato, non possiamo e non vogliamo rassegnarci ad un futuro da "sussidiati" per noi e i nostri figli, ad una classe lavoratrice che si vuole ridotta ad esercito industriale di riserva per le multinazionali che verranno a fare "shopping" di marchi, brevetti, "eccellenze" e maestranze, imponendo ulteriore moderazione salariale e aumento dei ritmi di lavoro con il ricatto delle delocalizzazioni. 

Le rotte della "Via della Seta" della salute

Scritto da PCI Fed. Brescia.

Di Diego Angelo Bertozzi*

Da http://osservatorioglobalizzazione.it/osservatorio/le-rotte-della-via-della-seta-della-salute/

L’emergenza sanitaria creata dalla diffusione pressoché globale del Covid-19 ha distolto – e lo farà ancora per qualche mese – la nostra attenzione da quanto avviene, in relazione ai rapporti di forza, sullo scenario internazionale. Di fatto ci siamo posti in una sorta di quarantena o coprifuoco intellettuale, quasi scordandoci che il mondo non si è fermato e superpotenze come la Cina popolare, la prima vittima del virus, data per spacciata, o almeno destinata ad un lunga parentesi di degenza post-operatoria, ha ripreso, dopo un trimestre di sofferenza (e anche di ostracismo dai toni razziali) il ruolo di primo attore, compiendo passi importanti persino in settori tradizionalmente ostici come quelli del soft power e dei diritti umani, con specifico riferimento alla salute. Ha ripreso il lento ma continuo movimento di erosione del sistema internazionale a trazione occidentale/statunitense, che era uscito vincitore da mezzo secolo di guerra fredda. È quindi comprensibile che recentemente la prestigiosa rivista statunitense Foreign Affairs abbia osservato con preoccupazione possibili sviluppi negli equilibri internazionali rispolverando eventi, come quello di Suez del 1956, che hanno dato immediata concretezza e visibilità a ciò che carsicamente stava da tempo avvenendo: “con centinaia di milioni di persone che ora si isolano in tutto il mondo, la nuova pandemia di coronavirus è diventata un evento veramente globale. E mentre le sue implicazioni geopolitiche dovrebbero essere considerate secondarie rispetto alle questioni di salute e sicurezza, tali implicazioni potrebbero, a lungo termine, avere importanti effetti, specialmente per quanto riguarda la posizione globale degli Stati Uniti. Gli ordini globali hanno la tendenza a cambiare gradualmente all’inizio e poi tutto in una volta. Nel 1956, un intervento fallito a Suez ha messo a nudo il declino della potenza britannica e ha segnato la fine dell’epoca del Regno Unito come potenza globale. Oggi i politici statunitensi dovrebbero riconoscere che se gli Stati Uniti non si alzano per affrontare il momento, la pandemia di coronavirus potrebbe segnare un altro momento di Suez”[1]. Il messaggio è molto chiaro: il rischio è che Washington non sia in grado di dare una risposta globale, arretri nella sua immagine di potenza benigna, per lasciare il campo a Pechino, legittimando quest’ultima nel ruolo di principale fornitore di un bene comune inestimabile quale la salute e ponendosi come attore trainante in una fase di rilancio della economia mondiale.

I medici lombardi denunciano le inadempienze della Giunta Regionale e chiedono tamponi ai lavoratori.

Scritto da PCI Fed. Brescia.

Anche l'ordine dei medici chirurghi ed odontoiatri della Lombardia, in una lettera aperta all'amministrazione regionale, della quale riportiamo uno stralcio, denuncia inadempienze, errori e incapacità della Giunta Fontana e chiede tamponi a tappeto sui luoghi di lavoro e sul personale che verrà fatto rientrare quale unica soluzione per controllare l'epidemia e consentire la ripresa delle attività . 

#fontanadimettiti

#sanificarelapolitica

#lavorareinsicurezza

"Ricordiamo, a titolo di esempio non esaustivo:

1) La mancanza di dati sull’esatta diffusione dell’epidemia, legata all’ esecuzione di tamponi solo ai pazienti ricoverati e alla diagnosi di morte attribuita solo ai deceduti in ospedale. I dati sono sempre  stati presentati come “numero degli infetti” e come “numero dei deceduti” e la mortalità calcolata  è quella relativa ai pazienti ricoverati, mentre il mondo si chiede le ragioni dell’alta mortalità  registrata in Italia, senza rendersi conto che si tratta solo dell’errata impostazione della raccolta dati che sottostima enormemente il numero dei malati e discretamente il numero dei deceduti. 

L'ECCELLENZA LOMBARDA DIVENTA UN ESEMPIO DI INEFFICIENZA STUDIATO A LIVELLO INTERNAZIONALE

Scritto da PCI Fed. Brescia.

L'ECCELLENZA LOMBARDA DIVENTA UN ESEMPIO DI INEFFICIENZA STUDIATO A LIVELLO INTERNAZIONALE

 

Un interessante articolo pubblicata dalla Harward Businnes Review che mette in risalto, al netto delle difficoltà e insidie insite nella gestione di un'epidemia, come il "modello italiano" di reazione e risposta sia stato, in generale ma particolarmente in Lombardia, inefficace e lento a causa di appesantimenti burocratici ma soprattutto di pregiudizi cognitivi, leggerezze, incapacità di ammettere gli errori e rimediare agli stessi e calcoli politici degli amministratori chiamati a prendere decisioni in materia di salute pubblica.

Da leggere con attenzione.

 

È sempre più chiaro che Fontana e la sua giunta si devono dimettere e la regione commissariata (e farsi giudicare da un tribunale #innomedelpopoloitaliano).

 

#fontanadimettiti

 

LEZIONI DALLA RISPOSTA DELL'ITALIA AL CORONAVIRUS

 

Da Harward Businnes rewiev

https://hbr.org/2020/03/lessons-from-italys-response-to-coronavirus

 

Trad. di redazione comunistbrescia.org

 

Mentre i politici di tutto il mondo lottano per combattere la rapida pandemia di Covid-19, si trovano in un territorio inesplorato. Molto è stato scritto sulle pratiche e le politiche utilizzate in paesi come Cina, Corea del Sud, Singapore e Taiwan per reprimere la pandemia. Sfortunatamente, in gran parte dell'Europa e degli Stati Uniti, è già troppo tardi per contenere il Covid-19 nella sue prime fasi, e i politici stanno lottando per tenere il passo con la pandemia in espansione. Nel fare ciò, tuttavia, stanno ripetendo molti degli errori commessi all'inizio in Italia, dove la pandemia si è trasformata in un disastro. Lo scopo di questo articolo è di aiutare i politici statunitensi ed europei a tutti i livelli a imparare dagli errori dell'Italia in modo che possano riconoscere e affrontare le sfide senza precedenti presentate dalla crisi in rapida espansione.

 

IL BUBBONE È SCOPPIATO, ORA SI SANIFICHI LA POLITICA

Scritto da PCI Fed. Brescia.

IL BUBBONE È SCOPPIATO, ADESSO SI SANIFICHI LA POLITICA

Nulla deve tornare come prima perché il prima è la causa di ciò che sta accadendo oggi.

Corruzione, inefficienza, calcolo personale, leggerezza, incompetenza, disprezzo del popolo, sono le malattie che hanno causato il disastro sanitario ed economico al quale stiamo assistendo, e ha contagiato tutta la classe politica che ha governato Stato e Regioni negli ultimi trent'anni, non solo in Lombardia, non solo in Italia.

 

Ci vorrebbe una nuova Norimberga. 

 

#fontanadimettiti

#socialismoobarbarie

#senonoraquando

#pci

 

Da Giorgio Langella - Dipartimento Lavoro PCI Nord Italia

 

Sto guardando i dati forniti il 5 aprile dal ministero della saluta sull'incidenza del coronavirus per regione.

Mi sono soffermato sui dati dei deceduti e casi totali.

 

Ebbene, la percentuale di mortalità è molto diversa tra le regioni (anche o soprattutto tra quelle "compatibili" per qualità - vera o presunta - del servizio sanitario).

Socialismo o barbarie

Scritto da Giulio Palermo - Economista UNIBS.

Rilanciamo l'appello e l'analisi condivisi da Giulio Palermo (compagno ed economista) che consideriamo un solido e importante contributo e base di discussione. 

Oggi, come sempre, per i comunisti, analisi rigorose, conoscenza dei processi in atto e dei rapporti di forza, comprensione dello schema generale, delle dinamiche locali e capacità di sintesi sono essenziali.

Ogg, come sempre, il popolo e la classe lavoratrice hanno bisogno dei comunisti e della loro unità, della loro capacità strategica per riappropriarsi del ruolo egemonico che gli spetta nella società. 

Oggi, come sempre, il mondo ha bisogno che il popolo e la classe lavoratrice assumano il ruolo di guida verso un futuro, comune, universale e condiviso di pace e prosperità.

#socialismoobatbarie

#venceremos

#poterepopolare

 

SOCIALISMO O BARBARIE!

 

Compagni,

 

la necessità di un coordinamento tra tutte le forze antifasciste e anticapitaliste è quanto mai urgente. Quando finalmente ci lasceranno uscire di casa — certamente non prima del 25 aprile e del 1° maggio — la rabbia popolare divamperà in ogni direzione e quello che assolutamente serve è una guida politica capace e credibile in grado di indirizzare questa rabbia in senso rivoluzionario. 

 

TORNARE AL LAVORO! SI, MA A QUALI CONDIZIONI?

Scritto da PCI Fed. Brescia.

La macchina produttiva del paese va rimessa in moto in tempi brevi; così chiedono in molti tra politici, economisti ed imprenditori e lo comprendiamo anche noi, perché gli effetti di un blocco ad oltranza delle attività sarebbero devastanti per la già fragile struttura economica del paese. Consci dei rapporti di forza sia interni (di classe) che esterni (nella "catena globale del valore") non ci facciamo illusioni: il conto sarà salato e verrà presentato ai lavoratori, ai pensionati e alle loro famiglie.
Passeremmo dal contare i morti al contare i disoccupati e, anche se Governo e opposizioni fanno a gara a chi promette maggiori aiuti alle famiglie e alle imprese in difficoltà a causa del lock-down, il massiccio intervento economico necessario per tamponare l'emergenza non farà che esporci ulteriormente a speculazioni finanziarie sul debito  pubblico e a rafforzare le catene che ci legano all'Europa delle Banche e dell'austerity, con l'imposizione di ulteriori "riforme strutturali": nuovi tagli sul welfare, sulle pensioni, sulla Sanità fino alla svendita degli asset pubblici («Siamo pronti ad impegnare i palazzi del Governo»...).
Pensiamo inoltre  che nessuno si voglia rassegnare ad un futuro da "sussidiati" per noi e i nostri figli, ad una classe lavoratrice che si vuole ridotta ad esercito industriale di riserva per le multinazionali che verranno a fare "shopping" di marchi, brevetti, "eccellenze" e maestranze. imponendo ulteriore moderazione salariale e aumento dei ritmi di lavoro con il ricatto delle delocalizzazioni (già pare che FCA stia pensando ad una temporanea riduzione degli stipendi del 20% su tutte le sue aziende...).