NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

PETIZIONE - Sostieni la campagna per l'uscita dell'Italia dalla NATO per un’Italia neutrale.

Scritto da Comitato promotore della campagna #NO GUERRA #NO NATO.

Le drammatiche vicende in Medio Oriente, in Nord Africa e ora in Ucraina nel cuore della stessa Europa segnano un deciso degrado dei rapporti internazionali. La pace in tutto il mondo è in serio pericolo e anche papa Francesco ha ammesso che stiamo ormai assistendo a molteplici episodi di un’unica guerra mondiale pronta a conclamarsi in tutti i suoi devastanti effetti.
     La NATO, da organizzazione formalmente difensiva da diversi decenni ha assunto un profilo aggressivo e minaccioso in aperta violazione con la Carta delle Nazioni Unite. Si dichiara che la nuova strategia della NATO è stata promossa per “difendere gli interessi dell’Occidente”, ma in realtà serve solo a salvaguardare un’egemonia globale statunitense sempre più in rotta di collisione con gli interessi dell’Italia, dell’Europa e del resto del mondo. Invece di promuovere negoziati globali si lanciano ultimatum militari e persino minacce di attacchi nucleari.
     Uscendo dalla NATO l’Italia si sgancerebbe da questa strategia di guerra permanente, che viola la nostra Costituzione, e assumerebbe una posizione di totale neutralità tra i contendenti, a vantaggio dei nostri interessi nazionali e della pace mondiale.     

FIRMA LA PETIZIONE SU CHANGE.ORG

JVP-SRI LANKA-IN MEMORIA DEGLI EROI DELL’APRILE 1971 !

Scritto da FRONTE DI LIBERAZIONE DEL POPOLO (JVP) – SRI LANKA Comitato in Italia.

Continuiamo la loro lotta!

Care compagne e cari compagni!

44 anni fa, il 5 aprile del 1971, nel nostra paese, lo Sri Lanka, il governo represse nel sangue una grande rivolta popolare e giovanile.

In quel momento, era al potere, una coalizione sedicente di “sinistra”. I partiti che la sostenevano avevano promesso al popolo, una volta vinte le elezioni, una maggiore giustizia sociale, delle riforme radicali, l'impegno a far uscire il paese dal sottosviluppo neo-coloniale.

FALLO DI CONFUSIONE

Scritto da Lamberto Lombardi - Segretario Provinciale PCdI Brescia.

Sarkozy risorge ed il centro-destra vince le elezioni regionali in Francia. Detto così è quasi una non notizia, perché non esisteva ragione al mondo, tra quelle di natura politica, per cui le potesse vincere il partito socialista.
La notizia semmai è un risvolto italiano della vicenda: Berlusconi conta su questa vittoria, vuole  risorgere anche lui. Ed il silenzio subito gli è calato d'attorno perché chi glielo dice,  adesso, che un Sarkozy in Italia c'è già, e si chiama Renzi? Casomai Silvio dovrebbe provare a fare come la Le Pen, magari con l'aiuto di Salvini, lì il campo è abbastanza libero.

Disordine e immigati Dichiarazione della Segreteria Provinciale PcdI Brescia sugli eventi avvenuti a seguito della manifestazione di protesta dei lavoratori immigrati di Sabato 21 Marzo.

Scritto da Segreteria Provinciale PCdI Brescia.

A fronte degli scontri che hanno segnato la città in questi giorni non possiamo che sottolineare come tutto questo sia in linea con l'impostazione che si è voluta dare al problema dei permessi di soggiorno per gli immigrati.
Quando si rifiutano l'80% delle richieste di regolarizzazione si aderisce di fatto ad un solo criterio, ovvero quello di ritenere i lavoratori immigrati un problema di ordine pubblico e non una delle risorse della comunità. Conseguentemente le loro legittime proteste divengono ulteriore problema da risolvere con la forza e così avviene che il disordine parta dall'alto.

ANTICAPITALISMO E ANTIFASCISMO IN EUROPA: DUE CRITICHE ALLA STRATEGIA DI SYRIZA

Scritto da Giuio Palermo - Economista Università di Brescia.

Publichiamo due brevi critiche alla strategia di Syriza di Giulio Palermo, economista dell' Università di brescia, sperando che contribuiscano a sviluppare il dibattito a sinistra, prima che il governo greco e le forze anticapitaliste siano schiacciati dall'ascesa della destra.

ANTICAPITALISMO E ANTIFASCISMO IN EUROPA:
DUE CRITICHE ALLA STRATEGIA DI SYRIZA

Syriza è in gravi difficoltà. Non per lo scontro con le istituzioni europee ma per le rivendicazioni del popolo greco. Ormai sono i fatti a dimostrarlo: il suo programma politico è internamente contraddittorio. Allentare la crisi sociale e umanitaria non è possibile all’interno delle regole dell’unione economica e monetaria. Questo è il dato. Le promesse di Syriza non possono essere mantenute.

Fine di una leggenda

Scritto da Vladimiro Giacchè per Marx21.

A quanto pare la Merkel ha indotto Schäuble (che stava facendo saltare il compromesso raggiunto il 20 febbraio con Atene, già parecchio oneroso per quest'ultima) a più miti consigli riguardo alla Grecia. Questo su pressione di Obama, che ritiene che una uscita della Grecia dall'euro (e contestuale suo accordo con la Russia) indebolirebbe il fronte sud-est della Nato e quindi il suo controllo su quella parte del Mediterraneo.

Le lezioni contenute in questa vicenda sono diverse:

IL CASO DEL RIO E IL RISPETTO DELLA STORIA

Scritto da Alessandro Fontanesi Segretario provinciale PCdI Reggio Emilia.

La vicenda che da una settimana ha visto protagonista l'ex sindaco di Reggio Delrio, per quasi dieci anni sindaco della città decorata medaglia d'oro per la Resistenza e che ha concesso una medaglia ad un fascista (persino per ammissione del figlio), da parte della Presidenza del Consiglio dei Ministri, evidenzia ancora una volta quella che è, prima di tutto, la conoscenza della storia da parte delle istituzioni della Repubblica e in secondo luogo, ma non per questo meno importante, il rispetto che queste istituzioni hanno per la storia del nostro Paese.