NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

OBAMA "SFONDA"... IL BUDGET PER LA GUERRA ("DIFESA"). PECHINO PRIORITA' ASSOLUTA

Scritto da Diego Angelo Bertozzi.

Il Nobel per la pace Barack Obama chiede al Congresso l'approvazione del nuovo bilancio militare: 534 miliardi dollari ai quali vanno aggiunti altri 51 miliardi per fronteggiare gli impegni militari in Siria e Iraq. Si tratta di una richiesta di sfondamento ai tetti di spesa - comunemente denominati "sequestration" - di circa 38 miliardi. Il concetto è chiaro: "cancellare l'idea che la fine delle guerre in Iraq e in Afghanistan porterà automaticamente a budget del Pentagono più piccoli". Nel bilancio è prevista una spesa di 1,3 miliardi di dollari per addestrare i ribelli "moderati" siriani (soldi che probabilmente finiranno ancora nelle mani delle milizie fondamentaliste islamiche, come ammoniva G. Gaiani sul bolscevico Sole24Ore il 23 gennaio scorso) nella lotta contro l'Isis (leggasi "contro il governo siriano").

Elezioni regionali Veneto, alleanze e questione morale

Scritto da PCdI Fed. Reg. Veneta.

Qualche giorno fa, nella riposta che abbiamo inviato come Comunisti Italiani veneti alla richiesta del segretario regionale del PD di lavorare a un programma comune per le regionali, abbiamo tentato di spiegare la distanza incolmabile tra le posizioni politiche dei due partiti. Distanza che impedisce qualsiasi accordo. Abbiamo sollevato, prioritariamente, il problema della “questione morale” e di quelle, ormai abituali, forme di finanziamento delle campagne elettorali da parte di ricchi privati che potrebbero configurare un conflitto di interesse, che sostituiscono il finanziamento pubblico e che sono inaccettabili per chi si propone di rappresentare chi vive del proprio lavoro.

LA CINA DA IMPERO A NAZIONE Intervista con Diego Angelo Bertozzi

Scritto da Francesco Algisi per archiviostorico.

  Diego Angelo Bertozzi (Brescia, 1973) vive a Castegnato (BS). Laureato in Scienze Politiche (indirizzo politico internazionale) ha pubblicato "La Festa dei lavoratori. Il Primo Maggio a Brescia dalle origini alla prima guerra mondiale" (Ediesse, 2009). Ha collaborato con "Storia in Network" e "Il Calendario del Popolo", occupandosi principalmente di storia cinese e americana. Attualmente prosegue la ricerca sulla storia del Primo Maggio. È autore del volume "La Cina da impero a nazione. Dalle guerre dell'oppio alla morte di Sun Yat-sen (1840-1925)" (Edizioni Simple, 2011), in cui ha ricostruito le tragedie del colonialismo e dell'imperialismo che hanno umiliato la Cina. Su questi temi Bertozzi ci ha rilasciato l'intervista che segue.

NO AL FASCISMO VECCHIO E NUOVO

Scritto da Alessandro Fontanesi, segretario provinciale Partito Comunista d’Italia – Reggio Emilia.

Non bastava la presenza di un drappello di nostalgici fascisti, con tanto di vessilli della repubblichetta di Salò, durante la commemorazione partigiana a Fabbrico ogni 27 febbraio. Ora, apprendiamo con preoccupazione che, sempre il comune di Fabbrico, il prossimo e imminente 30 gennaio, è stato scelto come sede di un presidio dei fascisti di Forza Nuova. Non fosse la cosa tanto seria, bisognerebbe capire che cosa hanno fatto i cittadini di Fabbrico per meritarsi la costante presenza nelle loro strade dei “fascisti del nuovo millennio”? E su questo qualche risposta, gli ultimi amministratori della città, compreso quello da poco eletto, potrebbero iniziare a darne, se sono in grado. Forza Nuova sarà a Fabbrico per presidiare l’hotel dove sono stati accolti poco più di una decina di profughi, in fuga dalla fame e dalla guerra.  E fino a prova contraria e fino a che il governo Renzi-Berlusconi non l’avrà smantellata col patto del Nazareno, è la Costituzione che garantisce il diritto dei profughi ad essere accolti e difesi.

Disinformati si nasce, manipolati si diventa

Scritto da Super User.

Disinformati si nasce, manipolati si diventa!

prima di giudicare... informiamoci...

 

Il “49” preso a se' non è un numero che dice molte cose, ma se lo si considera come la posizione dell'italia nel World Press Freedom Index pubblicato da Reporter senza frontiere acquisisce un non so che di sconcertante.

Il “World Press Freedom Index” è la classifica mondiale della libertà di stampa; un utile strumento per capire la “salute” della libertà dell'informazione di uno stato.

Procaccini (Segr. Naz. PCdI): Un fatto storico la vittoria di Tsipras

Scritto da PCdI redazione web.

I risultati che arrivano dalle elezioni greche sono di straordinaria importanza, segnano l'avanzata complessiva della sinistra e la vittoria netta di Alexis Tsipras. E' un segno forte che il popolo greco ha inviato alla Troika di Bruxelles, è la catena dell'austerity che comincia a spezzarsi. Tuttavia, il risultato dell'estrema destra di Alba Dorata è un dato di cui non si può non tenere conto: quel dato impone alla sinistra la massima compattezza e vigilanza democratica. Ci complimentiamo inoltre con i compagni del KKE per il loro risultato di tenuta in questi anni difficili.
La vittoria di Tsipras ed il risultato della sinistra greca rappresenta un chiaro segnale anche per noi: è tempo che anche l'Italia conosca una sinistra unita in grado di contare, essere competitiva, plurale, partecipata e che valorizzi il contributo delle differenti organizzazioni e culture politiche di cui essa è composta.
E' per questo che in Italia lavoriamo per la ricomposizione comunista e per un fronte di sinistra che abbia una politica di massa.
Cesare Procaccini, segretario naz.le Partito Comunista d'Italia

FUORI I FASCISTI DALLE CITTA'

Scritto da C. Procaccini - Segr. Naz. PCd'I.

Esprimo la solidarietà mia e di tutto il Partito Comunista d’Italia ai compagni del CSA Dordoni di Cremona, vittime di una assalto di gravità inaudita da parte di una squadraccia neofascista, una banda comprendente elementi anche estranei alla città che tradisce la premeditazione di questa azione. Noi da sempre siamo per lo scioglimento delle organizzazioni neofasciste, in conformità alla legge ed al dettato della Costituzione repubblicana ed antifascista tanto più a 70 anni dalla vittoria della resistenza sul nazifascismo.